THE VOICE OF ITALY
The Voice of Italy tratto dal format originale “The Voice of…” creato da John De Mol, è trasmesso in prime time da Rai 2 dal 24 febbraio al 23 maggio 2016. Condotto da Federico Russo con Alessandra Angeli (aka Angelina) conduttrice dell’area web, il programma prevede che quattro coach cerchino la voce più bella del Paese unicamente ascoltando il concorrente senza poterlo vedere. Il vincitore ottiene un contratto discografico con la Universal Music. 3 nuovi acquisti e un grande rientro per i panel di coach della quarta edizione del talent: Raffaella Carrà torna dopo un anno di stop e viene accompagnata da Manuela Dolcenera, Max Pezzali ed Emis Killa.

The Voice si sviluppa in quattro fasi: Blind Audition, Battle, Knock Out e Live Show. Durante le Blind i quattro coach, voltati di spalle, ascoltano gli aspiranti concorrenti. Se la voce che ascoltano risulta essere per loro interessante, scelgono il talento per la propria squadra. Se il talento interessa a più coach, allora è il talento stesso che dovrà scegliere di quale squadra entrare a far parte. Alla fine delle sei puntate Blind ogni coach avrà un team formato da 21 cantanti. Nelle Battle, i coach, fanno scontrare i propri cantanti tra loro, tre alla volta, facendoli esibire insieme sulla stessa canzone, per la preparazione della quale i talenti hanno ricevuto il supporto di artisti famosi scelti dagli stessi coach (Piero Pelù per il Team Carrà, Giorgio Moroder per il Team Dolcenera, Francesca Michielin per il Team Pezzali e Patty Pravo per il Team Killa). Nella fase delle Battle i Coach hanno a disposizione in questa stagione un solo “Steal” ciascuno che consente di ripescare un cantante eliminato e aggiungerlo al proprio team.  I talenti che superano le Battle passano ai Knock Out: in questa fase gli 8 talenti rimasti in gara per ogni team, si sfidano nuovamente due a due cantando una canzone ciascuno. Solamente 4 cantanti per team accedono alla fase finale dei Live Show. Nei Live Show, i cantanti si scontrano esibendosi dal vivo in quelli che sono dei “miniconcerti” preparati insieme ai rispettivi coach. I quattro talenti finalisti, uno per ogni squadra, accedono alla finale e si confrontano tra loro. Sarà il pubblico da casa a votare la voce migliore.

ToTop